Skip to content

UNO SGUARDO DAL GIAPPONE

19 marzo 2013

KeikoIchiguchi_in_JapanMancano pochi giorni all’inizio della Bologna Children’s Book Fair, ci saranno celebrazioni per il 50°, qualcuno farà il bilancio, e qualcun altro buoni propositi e così si ripartirà, come nelle favole,tutti felici e contenti tra sorrisi e strette di mano.
Noi librai come sempre cerchiamo, osserviamo e ascoltiamo quel che si muove, e qui cerchiamo di raccontarvelo.
Iniziamo a dare un’occhiata ai “libri celebrativi”, libri scritti ad hoc per questo compleanno speciale, uno in particolare ha attirato la nostra attenzione l’autrice è Keiko Ichiguchi, giapponese conosciuta da chi frequenta il mondo del fumetto.
Lasciamo che sia lei stessa a raccontarci di questo libro che uscirà in Giappone per raccontare cos’è la Fiera Internazionale del Libro per Ragazzi.

  • Come è nata l’idea di realizzare in Giappone un libro sulla storia della Bologna Children’s Book Fair? E’ già stato pubblicato ed è  prevista anche un’edizione italiana?

Io vivo a Bologna dal 1994. Visto che mi sono affezionata a questa città volevo scrivere un libro dedicato a  Bologna, per presentare questa città, che è ancora poco conosciuta in Giappone, ai lettori giapponesi.
Io e il mio editore ci siamo chiesti che cosa di Bologna è conosciuto in Giappone?, e ci siamo detti: “Forse la fiera internazionale del libro per ragazzi è una delle poche cose conosciute grazie alla mostra degli illustratori!”.
Così ho cominciato a fare la ricerca sulla fiera e sui rapporti fra la fiera e la città.
Il libro sarà intitolato “Bologna Bookfair monogatari (Bologna Bookfair story)” e la sua uscita in Giappone è prevista all’inizio di aprile del 2013.
Non è ancora stata prevista l’edizione italiana.

  • Chi le ha commissionato il lavoro?

La casa editrice giapponese Hakusuisha.

  • Quali sono state le fonti a cui ha attinto per la sua ricostruzione storica?

Soprattutto le interviste che ho fatto.
Ho incontrato tante persone coinvolte con le diverse realtà intorno alla fiera.
Poi documenti comunali, vecchie riviste sulla educazione per i bambini, diversi libri sulla storia di Bologna ecc..

Chissà cosa ha colto e raccolto della storia della Fiera Keiko Ichiguchi, speriamo di poterne leggere presto la traduzione, così potremo guardarci con lo sguardo “presbite”, di chi ha messo a fuoco da lontano, questo evento.
Agata Diakoviez

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: