Skip to content

Se un bambino va in libreria

25 giugno 2013

segnaleSe a un bambino viene offerta la possibilità di andare in libreria un mondo potrebbe aprirsi sul suo futuro.
Se un genitore insieme a bambino entra in libreria non ci guadagna solo il libraio.
Alina Laruccia e tanti altri librai indipendenti, da diverso tempo chiedono ragione del perchè vengono messe in atto pratiche, molto frequenti purtroppo, che ledono la libertà di scelta di genitori e bambini, colpendo nel contempo le librerie.
Gli Agenti non sono venditori porta a porta, e se l’accesso alle scuole viene loro consentito per la vendita di libri allora si facciano entrare anche i librai, affinché non sia solo il prezzo più basso a determinare la scelta delle letture dei bambini.
Agata Diakoviez

Lettera indirizzata al dirigente didattico dell’ISTITUTO COMPRENSIVO RESTA-DE DONATO GIANNINI TURI.

Buongiorno Preside,
sono Alina Laruccia, Libreria Eleutera Turi(BA).
Le scrivo perchè alcuni genitori mi hanno informato questa mattina che nella nostra scuola elementare oggi durante la consegna delle pagelle sono stati venduti libri per le vacanze, consegnati alle insegnanti da agente di Casa Editrice che già in passato aveva venduto narrativa senza seguire la normativa vigente e che lei ha ben evidenziato con sua nota del 31 gennaio 2013.
Le ricordo che i libri sono di pertinenza dei librai, nella scuola gli Agenti devono solo mostrare il materiale, la consegna e l’acquisto non devono avvenire nelle classi.
Io personalmente non mi occupo di vendere testi scolastici e per le vacanze, ma è un danno per tutti gli addetti al lavoro, e soprattutto in questi momenti di crisi, sottrarre un guadagno legittimo a fronte di comportamenti non leciti.
Certa che si occuperà della faccenda, la saluto cordialmente.
Alina Laruccia

Annunci
3 commenti leave one →
  1. 25 giugno 2013 8:55 am

    Condivido appieno quanto detto da Agata, e come non potrei? Stavo giusto pensando di scrivere un post sull’argomento proprio dopo l’ultima visita il libreria con mia figlia di 4 anni. Non sapevo questa cosa degli agenti che non possono entrare a scuola, ma è da un po’ che mi chiedevo perché in Italia non si vendono i libri con il metodo Usborne e Barefoot ecc come in altre parti del mondo.

  2. Alina Laruccia permalink
    27 giugno 2013 6:45 am

    Gentilissima Graziana, le librerie sono luoghi magici, un venditore porta a porta o un agente nella scuola non hanno lo stesso effetto di una visita in libreria, di un laboratorio col libraio, di un incontro con l’autore. Semplicemente perchè non sono LIBRAI. Essere librai è altro, mi creda. E so che bisogna far quadrare i conti, ma il sorriso di un bambino che sfoglia un libro pop up, e il suo incanto nell’ascoltare una storia, hanno valore immenso. MI danno la forza di andare avanti, specialmente in questi momenti difficili. Alina Laruccia, LIberia Eleutera Turi(BA)

  3. 16 luglio 2013 8:13 am

    Da insegnante, che si occupa della biblioteca scolastica, porto avanti tutti i giorni una lotta contro le colleghe che pretendono di sapere quale libro è adatto ai loro alunni senza mandarli in biblioteca, senza dar loro l’opportunità di guardare, sfogliare, scegliere in autonomia. Risultato: i bimbi detestano i libri perché gli vengono imposti, non andranno mai in una biblioteca comunale, figurarsi se si avvicineranno ad una libreria senza avere l’orticaria!
    Un dialogo aperto andrebbe fatto con i docenti, prima ancora che con un capo d’Istituto.
    Perché non organizzare un bell’incontro in libreria per mostrare agli insegnanti le novità della letteratura per ragazzi?
    Oddio, magari l’avete già fatto e sto dicendo un’ovvietà.
    Ma da amante della lettura posso ben dirvi che di librai con la “L” maiuscola come voi ce ne sono pochi.
    L’altro giorno in una delle mega librerie in Piazza Duomo a Milano ho sentito una commessa consigliare ad una signora di acquistare degli stickers al posto di un libro, visto che la bimba non aveva ancora 6 anni.
    Degli STICKERS? Io l’avrei licenziata in tronco!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: