Skip to content

Festival delle Basse

27 maggio 2017

Al via venerdì 2 giugno (fino a domenica 4) il Festival delle basse. Cultura e gusto nelle terre delle acque. Terza edizione di quello, come si legge nel sito, che nasce dalla volontà di trasformare le Basse in contenitori culturali, luoghi capaci di raccontare la propria cultura e storia e di stimolare nuove forme di aggregazione e inclusione sociale.
Il festival è promosso da 30 comuni delle quattro province venete, Padova, Rovigo, Verona e Vicenza, con l’obbiettivo di valorizzare il ricchissimo patrimonio materiale e immateriale di queste aree e promuoverne lo sviluppo socio-economico.
Dopo Urbana (2015) e Casale Scodosia (2016), entrambe cittadine padovane, rimaniamo ancora in provincia nei Giardini del Castello Marchionale della città di Este.
Il programma è ricchissimo, andate a vedere le tutte le proposte. Noi ovviamente segnaliamo quelle dedicate ai ragazzi, e curate dalla casa editrice Camelozampa.
Gli ospiti, in ordine di apparizione, sono:
Nicoletta Bertelle con il suo Prova a dire abracadabra!;
Alice Barberini, che ci ha incantato con un omaggio al cinema dei suoi albori, nello splendido silent book di Orecchio Acerbo;
_ Rossana Bossù presente in doppia veste, quella animale (Quanto è grande un elefante?) e vegetale (Come un albero);
Davide Morosinotto, nato nella vicina Camposampiero, vincitore quest’anno del premio Andersen con un piccolo capolavoro Il rinomato catalogo Walker & Dawn che qui verrà presentato;
Chiara Lorenzoni qui in gioco con i suoi cani, illustrati da Sonia Maria Luce Possentini;
Cinzia Ghigliano, forse l’evento più atteso, con lei illustratrice fumettista e Lei, il suo più recente successo, omaggio a Vivian Maier, a cui il festival dedica una mostra fotografica;
Silvia Bonanni e i suoi pupazzi marini;
Alice Keller, la nostra autrice/libraia ravennate della libreria Momo, che qui porta in trasferta i suoi cinghianti.
Tra gli incontri e i laboratori ci si muove tra scienza (con esperimenti su zombi e mostri vari o per i più piccoli, le esperienze di Bebo e Bice), la cucina (legata a frutta e verdura, Prosciutto e uova verdi), l’arte (cartoline antiche e pittura en-plein-air) e letteratura (da Roald Dahl, a Anthony Brown per una lettura/laboratorio curata da Pel di carota, che come sapete sono grandi estimatori di questo albo!).
Insomma tre giorni da non perdere se siete nel padovano o se volete scoprire una terra raramente inserita nei percorsi turistici più conosciuti. Qui il programma!

la Redazione
ALIR

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: